Proverbi abruzzesi: detti e modi di dire

proverbi abruzzesi
proverbi abruzzesi
Proverbi abruzzesi: detti e modi di dire popolari in Cina tradotti in italiano, come testimonianza della saggezza di questo popolo dal carattere particolare, scaturito dall’intreccio del piano spirituale con quello

Selezione di proverbi abruzzesi, detti e modi di dire più usati in Abruzzo, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

Modi di dire abruzzesi

– La troppa cumbedénze fa perde la criànze. (La troppa confidenza fa perdere la creanza)

– Se vù cambà cunténte arechiudete déntre a nu cumménte. (Se vuoi vivere contento rinchiuditi dentro un convento)

– A chije aspette, n’hêre ije ne pare sétte. (A chi aspetta, un’ora glie ne sembrano sette)

– La supérbije ijò a cavalle e arevènne a ‘ppéte. (La superbia andò a cavallo e tornò a piedi)

– L’hìsene lèteche e li varèle se sfasce. (Gli asini litigano e i barili si sfasciano)

– Se tutte li cille cuniscêsse lu rane, ‘nze magnêsse ‘cchiù lu pane. (Se tutti gli uccelli conoscessero il grano, non si mangerebbe più il pane)

– A la Signêre che magnêije li pullastrelle ije venne vulèije de li pera cotte. (Alla signora che mangiava i pollastrelli venne voglia delle pere cotte)

– La ‘rrobbe de lu ‘rriffe e ‘rraffe se ne va ‘nghe lu ‘zziffe e ‘zzaffe. (Il frutto dell’intrallazzo se ne va con lo spreco)

– L’hommene veziêse de tabbacche, va a l’imberne e se porte la pèppe. (L’uomo vizioso di tabacco, và all’inferno e si porta la pipa)

– San Magne ha nate prème de Crèste. (San Magno è nato prima di Cristo)

– A paijàra vicchie ‘nge manghe maije li sêrge. (Nel vecchio pagliaio non mancano mai i topi)

– La ‘rrobbe de l’avarene se le sfrésce lu sciampagnêne. (La roba dell’avaro la sperpera il prodigo)

– L’hosse vicchije acchênge la pignate. (L’osso vecchio condisce la pentola)

– Quelle che vèta vète, quelle che sinda sinde, se vu fà ‘bbéne nè arecundà maije ninde. (Quello che vedi vedi, quello che senti senti, se vuoi far bene non raccontar mai niente)

– A Sante vicchije ‘nze appicce ‘cchié cannèle. (A Santo vecchio non si accendono più candele)

– La rota hênte ‘nnè strèlle. (La ruota lubrificata non cigola)

– L’ucchije de lu patrêne ‘ngrasse lu cavalle. (L’occhio del padrone ingrassa il cavallo)

– Quelle che nen và pè trame, và pè stêse. (Quello che non va per trama, va per stesa)

– Appleche e fa sapene. (Mettiti all’opera e otterrai il risultato)

– La raije de la matène aremèttele pè la sêre e la raije de la sêre arepénnele pè la matène. (La rabbia del mattino rimettila per la sera e la rabbia della sera rimettila per la mattina)

– Li cucce rétte và simbre ‘n gere pè la case. (I cocci rotti vanno sempre in giro per la casa)

– Quande tì mandì, ca quande nen tì se mandé da hêsse. (Quando hai reggi, perché quando non hai si regge da sè)

– Bardisce, hummene e murte ha simbre turte. (Bambini, uomini e morti hanno sempre torto)

– La ijérva cattève nen more maije. (L’erba cattiva non muore mai.

– Li guaije de la pignate le sà la cucchiare. (I guai della pentola li conosce il mestolo)

– Quande ‘nge sta la gatte, li sérge abballe. (Quando non c’è il gatto, i topi ballano)

– Cchiù t’abbisse e ‘cchiù lu cule te se scopre. (Più ti abbassi e più ti si scopre il sedere)

– La hanghe manté la cianghe. (La mandibola sostiene la gamba)

– Li parinde è ‘ndé li scarpe, ‘cchiù è strètte e ‘cchiù fà dulè. (I parenti sono come le scarpe, più sono stretti e più fanno male)

– Quande lu diavele te accarêzze, vò l’alme. (Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima)

– Chije aspétte, ‘Ddèije l’assétte. (Chi aspetta, Dio l’assetta)

– La gallène féte l’ove e lu galle strèlle. (La gallina fa l’uovo e il gallo strilla)

– Lu ‘cchiù pulète té la regne”. (Il più pulito ha la rogna)

– Quande la hatte ‘nne arrève a lu larde, dèce ca è ràngeche. (Quando il gatto non arriva al lardo dice che è rancido)

– Chije càreche e scàreche nen perde maije témpe. (Chi carica e scarica non perde mai tempo)

– La cire se fréghe e la prucessiêne nen cammène. (La cera si consuma e la processione non cammina)

Detti abruzzesi

– Lu cotte sopra lu vullète. (Il cotto sul bollito)

– Quande de core nen me vé, n’accedénte a chije me le fa fà. (Quando non mi viene dal cuore, un accidenti a chi me lo fa fare)

– Chije gere de notte và ‘nghêndre a la morte. (Chi va in giro di notte va incontro alla morte)

– La bellêzze fène a la porte, la buntà fène a la morte. (La bellezza fino alla porta, la bontà fino alla morte)

– Lu pianta grane ijétte la préte e annaschênne la mane. (Il piantagrane butta la pietra e nasconde la mano)

– Quande ‘cchiù pénne ‘cchiù rénne. (Quanto più pende tanto più rende)

– Chije ha ‘mmassate ocche smasse cà se n’ha calate lu cile de lu fêrne. (Chi ha ammassato che smassi perché se ne è crollato il cielo del forno)

– L’arte de tate è mézze ‘mbarate. (L’arte del padre, in parte, è imparata)

– Lu rècche fa ‘ndà vò, lu puverélle fa ‘ndà pò. (Il ricco fa come vuole, il povero fa come può)

– Pridde, mammène e pulle nen é maije satùlle. (Preti, levatrici e polli non sono mai sazi)

– Chije ijoche a lu lotte e spére de vênce, lasse li stracce e peije li cènce. (Chi gioca al lotto e spera di vincere, lascia gli stracci e prende i cenci)

– L’acque che ‘nne ha piovete ‘n cile sta. (L’acqua che non è piovuta sta ancora in cielo)

– Lu sangue se lagne, ma ‘nze magne. (Il sangue si lagna, ma non si mangia)

– Povere a chije se more cà chije cambe se cunzòle. (Povero chi muore perché chi vive si consola)

– Chije l’arte nen vò ‘mbarà, sberre o frate se ha da fa. (Chi non vuole imparare un mestiere si deve fare o sbirro o frate)

– Ijétte la préte e annaschênne la mane. (Butta la pietra e nasconde la mano)

– Lu vene ‘bbone se venne senza frasche. (Il vino buono si vende senza frasca)

– Povere ‘lla case dova ‘nge và nisciéne. (Povera quella casa dove non va nessuno)

– Chije magne prème, magne ‘ddu vodde. (Chi mangia prima, mangia due volte)

– Ije te dèce harre e tu t’aggicce. (Io ti dico di andare avanti e tu ti sdrai)

– Lu vove desse curnéte all’asene. (Il bue disse cornuto all’asino)

– Peccate e ‘ddìbbete chije le fa le paghe. (Peccati e debiti chi li fa li paga)

– Chije negozie cambe, chije fatèije crépe. (Chi negozia campa, chi lavora crepa)

– Ha ijète a cercà grazie e ha truvate ijustèzie. (E’ andato a trovare grazia e ha trovato giustizia)

– Màgnete ‘ssà menéstre o zùmpete ‘ssà fenéstre. (Mangiati quella minestra o salta quella finestra)

– Pè lu campe mètta mètte, pè la strate nècchia nècchie. (Nel campo cerca di prendere più che puoi, per la strada (di ritorno), però, ti accorgerai del peso)

– Chije nen po’ vatte sacche, vatte sacchêtte. (Chi non può infierire sul sacco, infierisce sul sacchetto)

– Guaije ‘nghe la pale, morte nen vinghe maije. (Guai con la pala, ma la morte non venga mai)

– Maije mazzate ha fatte bon cane. (Mai le percosse hanno ben educato un cane)

– Passe l’angele e dece ammén. (Passi l’angelo e dica: così sia)

– Chije péquere se fa, lépe se le magne. (Chi si fa pecora viene mangiato dal lupo)

– Genta trèste, ‘nnumenate e vèste. (La gente cattiva appare appena se ne parla)

– Maije raije d’asene saijò ‘n Cile. (Mai raglio d’asino salì in Cielo)

– Ognéne sà hêsse ‘Ddèije sà tétte. (Ognuno conosce le proprie cose, Dio sa tutto)

– Chije pò, fà a zumpètte, chije no, se sta zètte. (Chi ne è capace fa i salti, chi no sta zitto)

– Frèije lu pésce e guarde la hatte. (Friggi il pesce e guarda il gatto)

Proverbi abruzzesi

– Matremunie e vescuvate da lu Cile è distenate. (Matrimoni e vescovati sono destinati dal Cielo)

– O cotte o créte lu foche l’ha vedéte. (O cotto o crudo il fuoco però l’ha visto)

– Chije se vésceche ‘nze annéghe. (Chi si agita non annega)

– Fiocche nen fa ghenne, tutte aiute a ijêgne. (Un fiocco non fa la gonna, ma tutto aiuta ad aggiungere)

– Mazze e panélle fà li fèije ‘bbélle. (Mazze e panini fanno i figli belli)

– Nu patre pò campà cénte fèije, cénte fèije nen pò campà nu patre. (Un padre può sostentare cento figli, cento figli non riescono a sostentare un padre)

– Chije se vregugnò diijunò. (Chi ebbe vergogna fece digiuno)

– Fèije de hatte surge acchiappe. (Il figlio del gatto prende i topi)

– Mbare l’arte e mèttele da parte. (Impara un mestiere e mettilo da parte)

– Nu pare de rêcchie ‘bbùne sì quanta lêngue stracche. (Un paio di orecchie buone sai quante lingue stanca)

– Chije spare ‘nne attacche, spare ‘nne ascioije. (Chi non lega la “spare” non la scioglie)

– Facce hìjnnere facce nore, ma l’asene vicchie porte la some. (Faccio generi faccio nuore, ma è sempre il vecchio asino a portare il carico)

– Me sò ijète a fà la Crêce e me sò cacciate l’ucchije. (Mi sono fatto il segno della Croce e mi sono cavato un occhio)

– ‘Nze pò tenê lu varèle piene e la mêije ‘mbrijìche. (Non si può avere il barile pieno e la moglie ubriaca)

– Chije te bbattêzze te è cumbare. (Chi ti battezza ti è compare)

– Fà béne e scurdete, fà male e pènsece. (Fa bene e scordatene, fa male e pensaci)

– Mêije, marète e feije coma ‘Ddeije te le dà te le peije. (Moglie, marito e figli come Dio te li da te li pigli)

– ‘Nze pò avé la scarpa hente e la ‘ssegna sane. (Non si può avere la scarpa unta e la sugna intera)

– Chije té li quatrène fabbreche, chije nne té desêgne. (Chi ha i soldi fabbrica, chi non ce li ha fa progetti)

– E’ trèste chije nen té ninde, ma è ‘cchijù trèste chije nen té nisciéne. (E’ triste chi non ha niente, ma è più triste chi non ha nessuno)

– Miije a magnà poche e stà vicène a lu foche. (Meglio mangiar poco e stare vicino al fuoco)

– N’ghe cent’anne de speziarèije, ‘ndi ‘mbarate a légge manghe na ricétte. (Con cento anni di spezieria non hai imparato a leggere neanche una ricetta)

– Chije té lu célle ‘mmane e ‘nze le spieme ‘nge se aretrove ‘cchijé ‘nghe ‘lla furtene. (Chi ha l’uccello in mano e non lo spiuma non ci si ritrova più con quella fortuna)

– E’ ‘cchiù la spese che la ‘mbrêse. (E’ più la spesa che il ricavato)

– Miije la morte dêntre a la case che nu Marchisciane arréte a la porte. (Meglio la morte in casa che un Marchigiano dietro la porta)

– Nen hésce nu spose sénza lète, nen hésce nu morte sénza rète. (Non esce uno sposo senza una lite, non esce un morto senza una risata)

– Coma te prepìre lu ijacce te ce aggìcce. (Come ti prepari il giaciglio ti ci sdrai)

– Dova sta tanta ghille ‘nze fà maije ijurne. (Dove stanno tanti galli non si fa mai giorno)

– Miije li pinne ‘n curène che li pinne dentre la tène. (Meglio tenere i panni al vento che non dentro il mastello)

– Nen fà coma lu funare che ‘mmèce de ijè anninze hardà arréte. (Non fare come il funaio che, invece di andare avanti torna indietro)

– Cunsèije de hélbe, destruziêne de gallène. (Convegni di volpi, distruzione di galline)

– Dova se magne ‘Ddèije ce accumbagne. (Dove si mangia Dio ci accompagna)

– Miije l’ove huije che la gallène dumane. (Meglio l’uovo oggi che la gallina domani)

– Ne sà ‘cchié lu patète che lu sapéte. (Conosce più i problemi colui che li ha sofferti che non colui che li ha solo conosciuti)

– Cuscijìnze e quatrène ‘nze sa chije le té. (Coscienza e quattrini non si conosce chi ce li ha)

– Dova nen passe lu fredde nen passe manghe lu calle. (Dove non entra il freddo, non entra neanche il caldo)

– Miije sele che male accumbagnate. (Meglio soli che in cattiva compagnia)

– ‘Ncumbagnèije piijò la mêije pére lu frate. (In compagnia prese la moglie anche il frate)

– Daije, daije, daije, la cepelle devente haije. (Dagli, dagli, dagli, la cipolla diventa aglio)

– Dope li cumbitte hésce li defitte. (Dopo i confetti escono i difetti)

– Morte ze Culérie ‘nze fa ‘cchiù pignate. (Morto zio Aurelio non si fanno più pignatte)

– ‘Ncarèscete ferre cà tinghe n’ache da vênne. (O ferro aumenta di prezzo perché ho un ago da vendere)

– Da la cocce vé la tègne, da lu péte vé la magagne. (Dalla testa viene la tigna, dal piede viene il malanno)

– Dope che ha successe lu guàije la case s’arembièsce de cunsèije. (Dopo che è successo il guaio la casa si riempie di consigli)

– Na vodde chêrre lu lébbre e na vodde chêrre lu cacciatêre. (Una volta corre la lepre e una volta il cacciatore)

Proverbi cinesi: detti e modi di dire gono l’accento su quanto sia importante la meditazione di ogni individuo, si tratta di frasi e aforismi per aiutare ciascuno a vivere la propria vita in maniera consapevole,

Selezione di proverbi abruzzesi, detti e modi di dire più usati in Abruzzo, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

Modi di dire abruzzesi

– La troppa cumbedénze fa perde la criànze. (La troppa confidenza fa perdere la creanza)

– Se vù cambà cunténte arechiudete déntre a nu cumménte. (Se vuoi vivere contento rinchiuditi dentro un convento)

– A chije aspette, n’hêre ije ne pare sétte. (A chi aspetta, un’ora glie ne sembrano sette)

– La supérbije ijò a cavalle e arevènne a ‘ppéte. (La superbia andò a cavallo e tornò a piedi)

– L’hìsene lèteche e li varèle se sfasce. (Gli asini litigano e i barili si sfasciano)

– Se tutte li cille cuniscêsse lu rane, ‘nze magnêsse ‘cchiù lu pane. (Se tutti gli uccelli conoscessero il grano, non si mangerebbe più il pane)

– A la Signêre che magnêije li pullastrelle ije venne vulèije de li pera cotte. (Alla signora che mangiava i pollastrelli venne voglia delle pere cotte)

– La ‘rrobbe de lu ‘rriffe e ‘rraffe se ne va ‘nghe lu ‘zziffe e ‘zzaffe. (Il frutto dell’intrallazzo se ne va con lo spreco)

– L’hommene veziêse de tabbacche, va a l’imberne e se porte la pèppe. (L’uomo vizioso di tabacco, và all’inferno e si porta la pipa)

– San Magne ha nate prème de Crèste. (San Magno è nato prima di Cristo)

– A paijàra vicchie ‘nge manghe maije li sêrge. (Nel vecchio pagliaio non mancano mai i topi)

– La ‘rrobbe de l’avarene se le sfrésce lu sciampagnêne. (La roba dell’avaro la sperpera il prodigo)

– L’hosse vicchije acchênge la pignate. (L’osso vecchio condisce la pentola)

– Quelle che vèta vète, quelle che sinda sinde, se vu fà ‘bbéne nè arecundà maije ninde. (Quello che vedi vedi, quello che senti senti, se vuoi far bene non raccontar mai niente)

– A Sante vicchije ‘nze appicce ‘cchié cannèle. (A Santo vecchio non si accendono più candele)

– La rota hênte ‘nnè strèlle. (La ruota lubrificata non cigola)

– L’ucchije de lu patrêne ‘ngrasse lu cavalle. (L’occhio del padrone ingrassa il cavallo)

– Quelle che nen và pè trame, và pè stêse. (Quello che non va per trama, va per stesa)

– Appleche e fa sapene. (Mettiti all’opera e otterrai il risultato)

– La raije de la matène aremèttele pè la sêre e la raije de la sêre arepénnele pè la matène. (La rabbia del mattino rimettila per la sera e la rabbia della sera rimettila per la mattina)

– Li cucce rétte và simbre ‘n gere pè la case. (I cocci rotti vanno sempre in giro per la casa)

– Quande tì mandì, ca quande nen tì se mandé da hêsse. (Quando hai reggi, perché quando non hai si regge da sè)

– Bardisce, hummene e murte ha simbre turte. (Bambini, uomini e morti hanno sempre torto)

– La ijérva cattève nen more maije. (L’erba cattiva non muore mai.

– Li guaije de la pignate le sà la cucchiare. (I guai della pentola li conosce il mestolo)

– Quande ‘nge sta la gatte, li sérge abballe. (Quando non c’è il gatto, i topi ballano)

– Cchiù t’abbisse e ‘cchiù lu cule te se scopre. (Più ti abbassi e più ti si scopre il sedere)

– La hanghe manté la cianghe. (La mandibola sostiene la gamba)

– Li parinde è ‘ndé li scarpe, ‘cchiù è strètte e ‘cchiù fà dulè. (I parenti sono come le scarpe, più sono stretti e più fanno male)

– Quande lu diavele te accarêzze, vò l’alme. (Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima)

– Chije aspétte, ‘Ddèije l’assétte. (Chi aspetta, Dio l’assetta)

– La gallène féte l’ove e lu galle strèlle. (La gallina fa l’uovo e il gallo strilla)

– Lu ‘cchiù pulète té la regne”. (Il più pulito ha la rogna)

– Quande la hatte ‘nne arrève a lu larde, dèce ca è ràngeche. (Quando il gatto non arriva al lardo dice che è rancido)

– Chije càreche e scàreche nen perde maije témpe. (Chi carica e scarica non perde mai tempo)

– La cire se fréghe e la prucessiêne nen cammène. (La cera si consuma e la processione non cammina)

Detti abruzzesi

– Lu cotte sopra lu vullète. (Il cotto sul bollito)

– Quande de core nen me vé, n’accedénte a chije me le fa fà. (Quando non mi viene dal cuore, un accidenti a chi me lo fa fare)

– Chije gere de notte và ‘nghêndre a la morte. (Chi va in giro di notte va incontro alla morte)

– La bellêzze fène a la porte, la buntà fène a la morte. (La bellezza fino alla porta, la bontà fino alla morte)

– Lu pianta grane ijétte la préte e annaschênne la mane. (Il piantagrane butta la pietra e nasconde la mano)

– Quande ‘cchiù pénne ‘cchiù rénne. (Quanto più pende tanto più rende)

– Chije ha ‘mmassate ocche smasse cà se n’ha calate lu cile de lu fêrne. (Chi ha ammassato che smassi perché se ne è crollato il cielo del forno)

– L’arte de tate è mézze ‘mbarate. (L’arte del padre, in parte, è imparata)

– Lu rècche fa ‘ndà vò, lu puverélle fa ‘ndà pò. (Il ricco fa come vuole, il povero fa come può)

– Pridde, mammène e pulle nen é maije satùlle. (Preti, levatrici e polli non sono mai sazi)

– Chije ijoche a lu lotte e spére de vênce, lasse li stracce e peije li cènce. (Chi gioca al lotto e spera di vincere, lascia gli stracci e prende i cenci)

– L’acque che ‘nne ha piovete ‘n cile sta. (L’acqua che non è piovuta sta ancora in cielo)

– Lu sangue se lagne, ma ‘nze magne. (Il sangue si lagna, ma non si mangia)

– Povere a chije se more cà chije cambe se cunzòle. (Povero chi muore perché chi vive si consola)

– Chije l’arte nen vò ‘mbarà, sberre o frate se ha da fa. (Chi non vuole imparare un mestiere si deve fare o sbirro o frate)

– Ijétte la préte e annaschênne la mane. (Butta la pietra e nasconde la mano)

– Lu vene ‘bbone se venne senza frasche. (Il vino buono si vende senza frasca)

– Povere ‘lla case dova ‘nge và nisciéne. (Povera quella casa dove non va nessuno)

– Chije magne prème, magne ‘ddu vodde. (Chi mangia prima, mangia due volte)

– Ije te dèce harre e tu t’aggicce. (Io ti dico di andare avanti e tu ti sdrai)

– Lu vove desse curnéte all’asene. (Il bue disse cornuto all’asino)

– Peccate e ‘ddìbbete chije le fa le paghe. (Peccati e debiti chi li fa li paga)

– Chije negozie cambe, chije fatèije crépe. (Chi negozia campa, chi lavora crepa)

– Ha ijète a cercà grazie e ha truvate ijustèzie. (E’ andato a trovare grazia e ha trovato giustizia)

– Màgnete ‘ssà menéstre o zùmpete ‘ssà fenéstre. (Mangiati quella minestra o salta quella finestra)

– Pè lu campe mètta mètte, pè la strate nècchia nècchie. (Nel campo cerca di prendere più che puoi, per la strada (di ritorno), però, ti accorgerai del peso)

– Chije nen po’ vatte sacche, vatte sacchêtte. (Chi non può infierire sul sacco, infierisce sul sacchetto)

– Guaije ‘nghe la pale, morte nen vinghe maije. (Guai con la pala, ma la morte non venga mai)

– Maije mazzate ha fatte bon cane. (Mai le percosse hanno ben educato un cane)

– Passe l’angele e dece ammén. (Passi l’angelo e dica: così sia)

– Chije péquere se fa, lépe se le magne. (Chi si fa pecora viene mangiato dal lupo)

– Genta trèste, ‘nnumenate e vèste. (La gente cattiva appare appena se ne parla)

– Maije raije d’asene saijò ‘n Cile. (Mai raglio d’asino salì in Cielo)

– Ognéne sà hêsse ‘Ddèije sà tétte. (Ognuno conosce le proprie cose, Dio sa tutto)

– Chije pò, fà a zumpètte, chije no, se sta zètte. (Chi ne è capace fa i salti, chi no sta zitto)

– Frèije lu pésce e guarde la hatte. (Friggi il pesce e guarda il gatto)

Proverbi abruzzesi

– Matremunie e vescuvate da lu Cile è distenate. (Matrimoni e vescovati sono destinati dal Cielo)

– O cotte o créte lu foche l’ha vedéte. (O cotto o crudo il fuoco però l’ha visto)

– Chije se vésceche ‘nze annéghe. (Chi si agita non annega)

– Fiocche nen fa ghenne, tutte aiute a ijêgne. (Un fiocco non fa la gonna, ma tutto aiuta ad aggiungere)

– Mazze e panélle fà li fèije ‘bbélle. (Mazze e panini fanno i figli belli)

– Nu patre pò campà cénte fèije, cénte fèije nen pò campà nu patre. (Un padre può sostentare cento figli, cento figli non riescono a sostentare un padre)

– Chije se vregugnò diijunò. (Chi ebbe vergogna fece digiuno)

– Fèije de hatte surge acchiappe. (Il figlio del gatto prende i topi)

– Mbare l’arte e mèttele da parte. (Impara un mestiere e mettilo da parte)

– Nu pare de rêcchie ‘bbùne sì quanta lêngue stracche. (Un paio di orecchie buone sai quante lingue stanca)

– Chije spare ‘nne attacche, spare ‘nne ascioije. (Chi non lega la “spare” non la scioglie)

– Facce hìjnnere facce nore, ma l’asene vicchie porte la some. (Faccio generi faccio nuore, ma è sempre il vecchio asino a portare il carico)

– Me sò ijète a fà la Crêce e me sò cacciate l’ucchije. (Mi sono fatto il segno della Croce e mi sono cavato un occhio)

– ‘Nze pò tenê lu varèle piene e la mêije ‘mbrijìche. (Non si può avere il barile pieno e la moglie ubriaca)

– Chije te bbattêzze te è cumbare. (Chi ti battezza ti è compare)

– Fà béne e scurdete, fà male e pènsece. (Fa bene e scordatene, fa male e pensaci)

– Mêije, marète e feije coma ‘Ddeije te le dà te le peije. (Moglie, marito e figli come Dio te li da te li pigli)

– ‘Nze pò avé la scarpa hente e la ‘ssegna sane. (Non si può avere la scarpa unta e la sugna intera)

– Chije té li quatrène fabbreche, chije nne té desêgne. (Chi ha i soldi fabbrica, chi non ce li ha fa progetti)

– E’ trèste chije nen té ninde, ma è ‘cchijù trèste chije nen té nisciéne. (E’ triste chi non ha niente, ma è più triste chi non ha nessuno)

– Miije a magnà poche e stà vicène a lu foche. (Meglio mangiar poco e stare vicino al fuoco)

– N’ghe cent’anne de speziarèije, ‘ndi ‘mbarate a légge manghe na ricétte. (Con cento anni di spezieria non hai imparato a leggere neanche una ricetta)

– Chije té lu célle ‘mmane e ‘nze le spieme ‘nge se aretrove ‘cchijé ‘nghe ‘lla furtene. (Chi ha l’uccello in mano e non lo spiuma non ci si ritrova più con quella fortuna)

– E’ ‘cchiù la spese che la ‘mbrêse. (E’ più la spesa che il ricavato)

– Miije la morte dêntre a la case che nu Marchisciane arréte a la porte. (Meglio la morte in casa che un Marchigiano dietro la porta)

– Nen hésce nu spose sénza lète, nen hésce nu morte sénza rète. (Non esce uno sposo senza una lite, non esce un morto senza una risata)

– Coma te prepìre lu ijacce te ce aggìcce. (Come ti prepari il giaciglio ti ci sdrai)

– Dova sta tanta ghille ‘nze fà maije ijurne. (Dove stanno tanti galli non si fa mai giorno)

– Miije li pinne ‘n curène che li pinne dentre la tène. (Meglio tenere i panni al vento che non dentro il mastello)

– Nen fà coma lu funare che ‘mmèce de ijè anninze hardà arréte. (Non fare come il funaio che, invece di andare avanti torna indietro)

– Cunsèije de hélbe, destruziêne de gallène. (Convegni di volpi, distruzione di galline)

– Dova se magne ‘Ddèije ce accumbagne. (Dove si mangia Dio ci accompagna)

– Miije l’ove huije che la gallène dumane. (Meglio l’uovo oggi che la gallina domani)

– Ne sà ‘cchié lu patète che lu sapéte. (Conosce più i problemi colui che li ha sofferti che non colui che li ha solo conosciuti)

– Cuscijìnze e quatrène ‘nze sa chije le té. (Coscienza e quattrini non si conosce chi ce li ha)

– Dova nen passe lu fredde nen passe manghe lu calle. (Dove non entra il freddo, non entra neanche il caldo)

– Miije sele che male accumbagnate. (Meglio soli che in cattiva compagnia)

– ‘Ncumbagnèije piijò la mêije pére lu frate. (In compagnia prese la moglie anche il frate)

– Daije, daije, daije, la cepelle devente haije. (Dagli, dagli, dagli, la cipolla diventa aglio)

– Dope li cumbitte hésce li defitte. (Dopo i confetti escono i difetti)

– Morte ze Culérie ‘nze fa ‘cchiù pignate. (Morto zio Aurelio non si fanno più pignatte)

– ‘Ncarèscete ferre cà tinghe n’ache da vênne. (O ferro aumenta di prezzo perché ho un ago da vendere)

– Da la cocce vé la tègne, da lu péte vé la magagne. (Dalla testa viene la tigna, dal piede viene il malanno)

– Dope che ha successe lu guàije la case s’arembièsce de cunsèije. (Dopo che è successo il guaio la casa si riempie di consigli)

– Na vodde chêrre lu lébbre e na vodde chêrre lu cacciatêre. (Una volta corre la lepre e una volta il cacciatore)